Valtin Halitjaha è la prima grande novità della F.lli Bari 2016/17

Il laterale di origini kosovare ha appena vinto il campionato di C1 con la Regium e arriva a titolo definitivo: “Per me si tratta del grande salto, mi sento responsabilizzato e pronto”

Quella di Valtin Halitjaha è la classica favola che un ragazzo innamorato del pallone ha scritto pagina dopo pagina, arrivando sino alla serie A2.
E’ il laterale di origini kosovare, classe 1995, la prima grande novità della F.lli Bari 2016/17; se per il club blaugrana la categoria superiore sarà già un piccolo grande salto, per Halitjaha a maggior ragione visto che è reduce da tre stagioni in serie C1 con la maglia dell’Olimpia Regium, con la quale ha conquistato poche settimane fa la promozione in B.
Proprio dall’accordo tra il club blaugrana e il team cittadino guidato dal ds Giuseppe Sagaria, scaturisce l’arrivo a titolo definitivo del talentuoso Valtin, mentre al tempo stesso Giuseppe Ruggiero è stato ceduto in prestito alla Regium che ha rilevato il cartellino dello stesso Domenico Della Grotta.
“Non è stato difficile trovare l’accordo con Sagaria e la dirigenza dell’Olimpia Regium – le parole del presidente Saverio Bari – Siamo soddisfatti di avere con noi un ragazzo come Halitjaha, che promette davvero bene per il futuro”.
Ventuno anni ancora da compiere (è nato il 19 agosto 1995), il neo acquisto della F.lli Bari ha bruciato le tappe, esordendo da ragazzino alla Regium dopo una carriera giovanile nel calcio a 11. “Dal mio Kosovo, sono arrivato in Italia ormai dieci anni fa – ci racconta Valtin – Ho cominciato nel Sant’Agostino Fides, quand’erano ancora unite, poi ad Arceto e Bagno con la Folgore. Qualche amico mi ha consigliato il futsal, ho cominciato con qualche torneo e pian piano ho preso questa strada…”.
Perchè hai scelto questo sport?
“Semplicemente, mi coinvolgeva maggiormente rispetto al calcio a 11, e poi vedendo giocare i più grandi, dalle partite della Reggiana a quelle della F.lli Bari, mi rendevo conto che il livello era super. E speravo dentro di me di poter giocare un giorno tra quei “mostri”.
Emozione o responsabilità per l’esordio in A2?
“Entrambe le cose, perchè è chiaro che il doppio salto di categoria si farà sentire e per me cambierà tutto. Si tratta di una sfida molto impegnativa, che affronterò con ancor più professionalità e voglia di fare le cose seriamente. Quel che è certo, darò tutto per questa maglia. Come dicevo prima, poter giocare con gente come Pittella e Dudu Costa, ad esempio, è un onore e al tempo stesso una responsabilità perchè avrò al fianco i migliori giocatori mai visti a Reggio negli ultimi anni. Una scuola di futsal dalla quale potrò solo imparare”.
Può essere la svolta della tua carriera?
“Lo spero, anche perchè quando è arrivata la proposta, non ci ho pensato su due volte. Sono treni che passano una volta sola e penso di aver fatto la scelta giusta perchè mi troverò in un gruppo ideale guidato da un allenatore che, me lo dicono tutti quelli che ci sono passati, è il professionista per eccellenza in questo sport.
Devo ringraziare le due società che hanno trovato l’accordo: ne sono sicuro, faremo bene nel prossimo campionato”.

Valtin Halitjaha con patron Saverio Bari

Permalink